Projecta

Blog

  • Data Quality e Credit Risk: due nuove funzionalità di JE-eINVOICE

    Il software Projecta per la gestione della Fatturazione Elettronica si arricchisce di due nuove funzionalità importanti che permettono di controllare la qualità dei dati in anagrafica dei propri clienti e di monitorarne l’affidabilità creditizia.

    Grazie alla partnership con 2C Solution, il software JE-eINVOICE può collegarsi ai Big Data messi a disposizione da CERVED per la gestione dell’anagrafica clienti. CERVED è una società che analizza la situazione economico finanziaria di oltre 6 milioni di imprese italiane: ne valuta la solvibilità e il merito creditizio e fornisce report informativi, visure, documenti ufficiali e situazioni patrimoniali delle aziende.

    Tramite una visualizzazione grafica semplice resa ancora più chiara dall’utilizzo di indicatori semaforici è possibile con un solo colpo d’occhio valutare lo stato di qualità delle fatture emesse e l’affidabilità creditizia dei propri clienti.

    icone_01

    DATA QUALITY

    È la funzionalità che verifica la correttezza dei dati presenti nell’ERP e permette di tenerli sincronizzati con quelli rilevati nel database CERVED. Gli errori possono essere gravi (visualizzati in rosso) se i dati come indirizzo, codice ATECO o la ragione sociale sono sbagliati oppure lievi (visualizzati in giallo) se sono risolvibili e non comportano una riemissione della fattura. In verde sono visualizzate le situazioni anagrafiche corrette e in grigio i dati che non vengono trovati nel database del CERVED, come nel caso di clienti privati.

    icone_02

    CREDIT RISK

    Valuta quanto è affidabile il parco clienti e le aziende verso cui sono state emesse le fatture. L’affidabilità è attribuita sulla base di uno score che va da 0 a 100 dove 0 indica un’azienda fallita e 100 un’azienda estremamente solida. Anche questo score viene trasformato in una visualizzazione semaforica a seconda della fascia di appartenenza dell’azienda.

    Il rischio di credito generato dal portafoglio clienti rappresenta una delle principali cause che possono determinare una crisi di liquidità e influenza di conseguenza la capacità di far fronte ai propri impegni finanziari. Ecco perché tenere sotto controllo e gestire al meglio il rischio di credito è di fondamentale importanza per monitorare il flusso di cassa aziendale anche in vista dell’entrata in vigore del nuovo Codice sulla Crisi d’Impresa previsto per il 2021.

  • Bilancio Riclassificato IV Direttiva CEE e nuovi termini di presentazione

    Il tuo ERP produce il Bilancio Riclassificato secondo la IV direttiva CEE? Hai la possibilità di esportare correttamente i dati per il tuo commercialista? Riesci a salvare e stampare il Bilancio Riclassificato in vari formati di file? Con JE-CONTABILITÀ tutto questo ora è possibile.

    JE-CONTABILITÀ è la soluzione che permette di elaborare il bilancio direttamente dalle registrazioni contabili e dal piano dei conti aziendale. È possibile riclassificare i dati in base a vari schemi, tra i quali, quello previsto dalla IV direttiva CEE. Inoltre permette l’esportazione dei dati e del Bilancio Riclassificato in vari tipi di file, pronti per essere trasmessi al proprio commercialista.
    Quest’anno, in seguito all’emergenza sanitaria provocata dal COVID-19 sono cambiati termini di approvazione e il deposito di Bilancio e si è rivista anche la modalità di convocazione delle assemblee societarie, ora possibile anche in modalità smart working.

    BILANCIO 2019: nuovi termini

    Grazie al Decreto Cura Italia, la prima convocazione assembleare o per le SrL unica convocazione, potrà essere effettuata entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio 2019 senza obbligo di motivazione (in deroga al precedente art. 2364).

    Questo il nuovo calendario per l’approvazione del Bilancio 2019:

    Adempimenti amministratori Società con organo di controlloSocietà senza organo di controllo
    Approvazione bilancio28/06/202028/06/2020
    Redazione progetto di bilancio e Relazione sulla gestione (se necessaria)Entro i 30 gg precedenti all'assemblea29/05/202013/06/2020 (*)
    Comunicazione all'organo di controllo (se esistente) del bilancio e Relazione sulla gestioneEntro i 30 gg precedenti all'assemblea29/05/2020---
    Deposito presso la sede sociale del bilancio, Relazione sulla gestione, Relazione del Collegio sindacale e dell'organo di revisione legaleDurante i 15 gg precedenti all'assemblea13/06/202013/06/2020
    Convocazione dei sociEntro 8 gg precedenti all'assemblea (**)22/06/202022/06/2020
    Approvazione bilancioEntro 180 gg dalla chiusura dell'esercizio (***)28/06/202028/06/2020
    Deposito bilancio al Registro ImpreseEntro 30 gg dall'approvazione28/07/202028/07/2020

    * Nelle Srl prive di organo di controllo gli amministratori provvedono direttamente al deposito del bilancio presso la sede sociale, nei 15 gg antecedenti all’assemblea

    ** Nelle Spa la convocazione entro tale data è consentita soltanto se la società non fa ricorso al mercato del capitale di rischio e qualora previsto dallo statuto; diversamente deve avvenire almeno 15 gg prima della data di approvazione ossia entro il 13/06/2020

    *** Il termine di 180 giorni (previsto per il 28/06/2020) è riferito all’assemblea in prima convocazione, come evidenziato da Assonime nella News 18/03/2020. L’assemblea in seconda convocazione potrà essere tenuta anche successivamente al predetto termine.
    Se il bilancio venisse approvato in seconda convocazione (non oltre il 28/07/2020), il termine per il deposito del bilancio al Registro Imprese avverrà entro 30 giorni da tale data.

    Nell’ottica di proseguire con le regole prevista dal distanziamento sociale, il decreto legge 18/2020 ha previsto la possibilità di indire le assemblee attraverso i nuovi mezzi di comunicazione a distanza a patto che i partecipanti possano essere identificati, che venga verificato il loro reale coinvolgimento in assemblea e garantito il loro esercizio del diritto di voto che potrà essere concesso in via elettronica o per corrispondenza.
    Anche alle assemblee delle Srl è ora possibile esprimere il proprio voto per consenso scritto, in deroga all’art. 2479-bis del codice civile e alle eventuali disposizioni statutarie.

    Projecta è in grado di offrire tutte le soluzioni necessarie per redigere, approvare e depositare il Bilancio 2019 nel rispetto delle ultime normative emanate.

    Contatta Projecta per saperne di più.

  • Formarsi per migliorare se stessi e la propria azienda: il Bonus Formazione 4.0

    La formazione del personale è un’attività indispensabile per migliorare le performance aziendali e proseguire nel processo di trasformazione della propria azienda in linea con i concetti di Industria 4.0.
    Per stimolare gli investimenti delle imprese nel consolidamento delle competenze in ambito tecnologico e digitale, la Legge di Bilancio 2020 ha previsto, anche per quest’anno, la proroga del credito d’imposta sulle spese di formazione del personale.

    Quali attività formative?

    Le attività di formazione per poter beneficiare del Bonus Formazione 4.0 sono le seguenti:

    • big data e analisi: raccolta, studio e analisi di tutte le informazioni aziendali;
    • cloud e fog computing: tutto ciò che riguarda il flusso di dati attraverso reti esterne nell’ambito delle architetture IoT;
    • cyber security: la protezione dei sistemi informatici da attacchi esterni;
    • simulazione e sistemi cyber-fisici: validazione e ottimizzazione dei processi computazionali e fisici;
    • prototipazione rapida manifattura additiva (o stampa tridimensionale): tecnologie innovative per la realizzazione in scala reale di un oggetto in tempi ridotti;
    • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA): dispositivi e tecnologie per migliorare l’efficienza nella gestione di sistemi complessi;
    • robotica avanzata e collaborativa: nuovi modelli di produzione basati su robot interconnessi;
    • interfaccia uomo macchina, internet delle cose e delle macchine: tutto ciò che riguarda la connessione e interazione tra macchinari, operatori e prodotti;
    • integrazione digitale dei processi aziendali: gestione più reattiva ed intelligente dei sistemi produttivi tramite collegamenti in rete.

    Destinatari delle attività formative

    Vendite e marketing, tecnologie di produzione e informatica sono i principali settori che dovranno essere coinvolti da queste attività di formazione. Vi potranno partecipare tutti i dipendenti e i lavoratori con contratto di apprendistato. I collaboratori con contratti diversi da quelli di apprendistato potranno partecipare alle attività formative ma non verranno considerati ai fini del calcolo del credito d’imposta.

    Chi può presentare domanda?

    • Imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalle dimensioni, dal regime contabile e dalla modalità di determinazione del reddito;
    • enti non commerciali residenti svolgenti attività commerciali rilevanti ai fini del reddito d’impresa;
    • imprese residenti all’estero con stabili organizzazioni sul territorio italiano.

    Sono escluse dal beneficio in commento, invece, le “imprese in difficoltà”, così come definite dall’articolo 2, punto 18, del Regolamento UE n.651/2014.

    Misurazione del credito

    Il credito d’imposta viene calcolato in percentuale sulle spese sostenute dall’inizio del 2020 e relative ai dipendenti impegnati nelle attività di formazione ammissibili, limitatamente al costo delle ore o delle giornate di formazione.

    • Piccole imprese: credito d’imposta di 50% delle spese per un limite massimo annuale di 300.000 €.
    • Medie imprese: credito d’imposta di 40% delle spese per un limite massimo annuale di 250.000 €.
    • Grandi imprese: credito d’imposta di 30% delle spese per un limite massimo annuale di 250.000 €.

    La misura del credito d’imposta aumenta per tutte le imprese, mantenendo i limiti massimi annuali, al 60% se l’attività di formazione ammissibile riguarda lavoratori dipendenti svantaggiati o ultra svantaggiati.
    Possono essere ammesse al credito d’imposta anche le spese del personale dipendente che partecipi con ruolo di docente (o tutor), purché non superi il 30% della retribuzione complessiva annua.

    Documentazione

    La novità di quest’anno è che non è più necessario per le aziende redigere l’accordo sindacale aziendale o territoriale, per poter riscuotere il credito di imposta.
    Restano da presentare:
    • Certificazione dei costi: un soggetto incaricato della revisione legale o un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali dovrà verificare l’effettività delle spese sostenute per le attività di formazione agevolabili e la loro corrispondenza alla contabilità predisposta dall’impresa.
    Per le società non tenute al controllo legale dei conti, la certificazione dovrà essere adempiuta da un revisore legale o da una società di revisione esterna. Per queste imprese è previsto che le spese sostenute per adempiere all’obbligo di certificazione contabile siano riconosciute in aumento del credito d’imposta, per un importo non superiore a 5.000 €.
    • Relazione che illustri le modalità organizzative e i contenuti delle attività di formazione svolte nel rispetto dei limiti e delle condizioni necessarie all’ottenimento del bonus.
    • Dichiarazione dei redditi: il credito d’imposta Formazione 4.0 deve essere riportato nel quadro RU, e nel prospetto “Aiuti di Stato” del quadro RS della Dichiarazione dei redditi.
    Al bonus si accede in modo automatico tramite compensazione mediante presentazione del modello F24 in via telematica all’Agenzia delle Entrate.

    Scegli Projecta

    Projecta dispone di tutti i requisiti per l’erogazione di corsi quali Innovazione dell’organizzazione, Qualificazione dei processi produttivi e dei prodotti e Digitalizzazione dei processi aziendali che rientrano nel Bonus Formazione 4.0. A questi corsi è possibile abbinare anche la formazione a progetti di Industria 4.0 e di digital transformation, aumentando di conseguenza i benefici fiscali previsti

    I corsi Projecta possono essere organizzati in base alle esigenze del cliente in individuali o di gruppo di formazione da parte di personale qualificato, con un valido approccio in un contesto di trasformazione digitale aziendale in tutte le aree applicative.

    Oltre alle tradizionali sessioni di formazione in aula, Projecta offre la possibilità di utilizzare piattaforme on line idonee ai requisiti previsti da Formazione 4.0 e dai Fondi Interprofessionali. Nell’ottica del distanziamento sociale in seguito alle problematiche legate al Coronavirus, la formazione a distanza è la soluzione flessibile, nel rispetto della normativa e dei tempi di lavoro, che permette di usufruire bonus anche in questo periodo.

    Solo con Projecta è possibile avere:

    • Una consulenza personalizzata per l’elaborazione di specifici piani formativi, valutando e mettendo in atto le migliori formule agevolative disponibili.
    • Una stesura su misura del piano formativo, in linea con le necessità organizzative dell’azienda.
    • La redazione e consegna della documentazione richiesta per ottenere i benefici previsti per la Formazione 4.0 e per altre formule agevolative.
    • Costi certi e pianificati in base alla configurazione del calendario formativo.

    Inoltre, questo Bonus Formazione 4.0 si inserisce all’interno del “Piano Nazionale Impresa 4.0” che comprende una serie di altre misure per stimolare l’innovazione e la competitività aziendale di cui Projecta già si occupa.

  • Gestisci e pianifica la manutenzione dei beni aziendali con JE-MAINTENANCE

    La manutenzione periodica dei beni materiali coinvolti nello svolgimento delle attività è una necessità che coinvolge tutte le aziende, siano esse di processo o di prodotto.
    Le infrastrutture aziendali, infatti, come le macchine d’ufficio, gli automezzi, le macchine da lavoro, gli impianti, la strumentazione, gli stabilimenti, i fabbricati, etc. richiedono una vera e propria programmazione degli interventi, di piani operativi e di metodologie atte ad evitare fermi o rallentamenti dovuti al loro malfunzionamento che possono causare impatti considerevoli sul business. Lavorando con sistemi sempre più complessi e automatizzati il trend è quello di garantire la Business Continuity, che eviti il più possibile il downtime dei macchinari, con conseguente perdita della marginalità operativa.

    Per questo ci si avvale della manutenzione predittiva, ossia la raccolta puntuale di dati (ore lavorate, nr. interventi, obsolescenza, etc.) per analizzare le prestazioni dell’attrezzatura durante le attività quotidiane e per individuare le attività di mantenimento dei beni prima che anomalie o avarie possano avere luogo.

    Nasce così JE-MAINTENANCE: il modulo per la gestione della manutenzione dei beni aziendali che integra la piattaforma JE di Projecta.

    PRINCIPALI VANTAGGI

    Pianificazione strutturata e condivisa degli interventi programmabili e relativa consuntivazione

    Riduzione dei tempi e costi d’intervento

    Ottimizzazione delle produzione e qualità dei prodotti

    Predizione della perdita d’efficienza e gestione dei ricambi

    In un’epoca dove la tendenza è quella rivolta alla servitizzazione, cioè la vendita congiunta di un prodotto in combinazione al servizio, diventa essenziale un’attenta gestione della manutenzione con i giusti strumenti per conoscere con certezza i costi e i tempi di intervento, per potersi focalizzare sul business e garantire solide basi per sviluppare nuove opportunità con un costante monitoraggio di KPI di performance integrati alla gestione dei flussi operativi.

    Visita la pagina dedicata a tutte le funzionalità del software JE-MAINTENANCE oppure contattaci per avere maggiori informazioni.

    Rimani aggiornato sulle ultime novità di Projecta iscrivendoti alla nostra newsletter.

  • La piattaforma JE si amplia con un nuovo modulo dedicato alla qualità: JE-QUALITY

    Capita a volte che le aziende si imbattano nella gestione di casi di “non conformità” o che la gestione dei livelli di qualità dei prodotti crei delle inefficienze. Spesso è difficile risalire velocemente alla causa perché i processi vengono gestiti da risorse diverse e con l’ausilio di supporti eterogenei o non ben integrati tra loro.

    Proprio dall’esperienza maturata in questo settore dai nostri consulenti è nato JE-QUALITY, il nuovo modulo software della piattaforma JE di Projecta, pensato per semplificare il sistema della gestione della qualità in azienda risolvendo contemporaneamente il problema della parcellizzazione delle informazioni e offrendo una visione globale di tutte le attività eseguite.

    JE-QUALITY è la risposta per tutte quelle aziende che necessitano di un piano di prevenzione, controllo e trattamento della qualità e delle non conformità dei prodotti e dei processi produttivi non necessariamente legati alle certificazioni ISO.

    Grazie a JE-QUALITY si possono attuare azioni preventive, migliorative e correttive in tutte le funzioni coinvolte, siano esse interne o esterne all’azienda, come ad esempio fornitori, clienti, ecc.

    VANTAGGI

    Centralizzazione e condivisione costante delle informazioni

    Ottimizzazione dei tempi di analisi dei dati e monitoraggio complessivo dei processi produttivi aziendali

    Sistema di notifiche di segnalazione in occasione di eventi particolari, segnalazioni o anomalie

    Gestione delle segnalazioni e delle dichiarazioni di non conformità sia emesse che ricevute

    Facilità di individuazione delle criticità interne o esterne in caso di dichiarazioni di non conformità

    Possibilità di intervenire tempestivamente e senza sprechi di risorse nelle funzioni coinvolte nella gestione della qualità

    JE-QUALITY, come tutti i moduli Projecta, è stato pensato per integrarsi perfettamente sia con gli altri moduli JE sia con applicativi e sistemi gestionali di terze parti già in uso in azienda. Altamente personalizzabile si può applicare sia ad aziende di grandi dimensioni che a piccole realtà modellandosi facilmente al flusso organizzativo aziendale.

    Visita la pagina dedicata a tutte le funzionalità del software JE-QUALITY oppure contattaci per avere maggiori informazioni.

    Rimani aggiornato sulle ultime novità di Projecta iscrivendoti alla nostra newsletter.

  • Projecta partecipa a Xylexpo 2020

    Xylexpo è la biennale mondiale delle tecnologie per la lavorazione del legno e dei componenti per l’industria del mobile che si tiene a Milano dal 26 al 29 maggio nella quale vengono presentate tutte le innovazioni del settore.

    Ci saremo anche noi di Projecta per esporre il nostro lavoro e presentarvi tutte le importanti novità tecnologiche per agevolare e guidare le aziende verso l’automatizzazione dei processi industriali.

    Proprio perché siamo specializzati nell’automazione dei processi produttivi e logistici degli impianti e dei flussi operativi delle aziende manifatturiere che operano in tutta la filiera dell’industria del legno, coglieremo l’occasione per mostrare i risultati in termini di efficacia ed efficienza che si possono ottenere grazie al nostro intervento.

    Vogliamo inoltre far conoscere a tutti l’approccio con cui assistiamo e guidiamo le aziende del settore del legno semplificandone i processi produttivi.

  • Contributo aggiuntivo Fondimpresa 2020

    Per il 2020, Fondimpresa ha stanziato 20 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI aderenti di minori dimensioni.

    Il piano formativo per il quale si richiede il contributo aggiuntivo può riguardare tutte le tematiche formative, con esclusione delle attività formative organizzate per conformare le imprese alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione e di ore di formazione che comportano lo svolgimento di attività produttive.

    I dipendenti coinvolti nel piano formativo devono essere almeno 5 per un minimo di 12 ore di formazione ciascuno. Le piccole imprese possono presentare la domanda insieme ad altre.

    Chi può presentare domanda?

    • PMI già aderenti a Fondimpresa in possesso di login e password
    • Saldo in conto superiore a 1€
    • Aziende che non hanno beneficiato del precedente contributo aggiuntivo (AVVISO 2 2018)
    • Aziende che nel 2019 non hanno partecipato ad attività finanziate da AVVISI DI SISTEMA (Avviso 4/2018 – Innovazione, Avviso 3/2018 – Competitività, Avviso 1/2018 Ambiente e Territorio, Avviso 5/2017 – Innovazione, Avviso 4/2017 – Competitività)

    Documentazione

    I documenti da presentare sono:

    • Login e Password di registrazione al sito www.fondimpresa.it
    • Visura camerale
    • Copia del documento d’identità legale rappresentante
    • Dati integrativi secondo il nostro modello
    • Accordo sindacale

    Tempistiche

    Dal 17 gennaio 2020 è possibile procedere all’attivazione del piano formativo.

    Il 15 febbraio è il termine ultimo consigliato per ottenere l’accordo sindacale poiché la presentazione delle domande sarà consentita dal 17 febbraio 2020 fino al 20 aprile 2020.

    Dato l’elevato numero di domande previste, è probabile una chiusura anticipata dei termini per esaurimento delle risorse. Vi suggeriamo di presentare le domande il più velocemente possibile.

    Perché scegliere Projecta?

    • Oltre 500 piani presentati e rendicontati negli ultimi 5 anni
    • Ci occupiamo di richiedere l’accordo sindacale e di gestire le comunicazioni e i rapporti con Fondimpresa
    • I termini di pagamento, i docenti e i calendari delle lezioni li decidi tu
    • Dopo l’approvazione, grazie al nostro partner Kontiki on Line srl, avrai a disposizione una piattaforma dedicata al servizio Fondimpresa. Attraverso il web potrai direttamente:
      • scaricarti i registri d’aula
      • comunicarci i dati dei partecipanti e il calendario delle lezioni
      • scaricarti i documenti necessari e già precompilati per il rendiconto
      • caricare la documentazione che sarà verificata tempestivamente dai nostri professionisti
      • essere guidato sugli step da compiere nel rispetto delle tempistiche del bando, grazie a un sistema efficace di notifiche mail
      • avere un archivio permanente di tutta la documentazione prodotta per ogni azienda
    • Il nostro compenso per il servizio è completamente in trasparenza e molto competitivo
  • REVAMPING 4.0: connetti, controlla, migliora

    SAVE THE DATE
    23 Gennaio 2020

    REVAMPING 4.0
    connetti, controlla, migliora

    ovvero come trasformare un’azienda in industria 4.0 grazie a soluzioni IOT
    e senza sostituire i macchinari già presenti in azienda.

    Evento sulla trasformazione dell’azienda in industria 4.0 tramite soluzioni Internet Of Things e ammodernamento o revamping, organizzato da Iot Italy in collaborazione con IP4FVG, Industry Platform.

    Il convegno è aperto a tutti e si rivolge soprattutto agli imprenditori, IT manager, CIO alla ricerca di un modo più semplice e veloce per trasformare la propria azienda in Industria 4.0 senza dover sostituire macchinari ma adottando soluzioni IOT.

    Tramite il REVAMPING, si sottopongono le macchine già presenti in azienda ad interventi mirati a renderle conformi al modello Industria 4.0 e grazie alla connessione attraverso tecnologie IOT si raggiunge un maggiore controllo dei processi produttivi. I dati ricavati dal monitoraggio dell’azienda nella sua complessità possono essere utilizzati per migliorarla e renderla più efficiente e per una gestione più integrata e intelligente.

    Tra le case history di successo presentate, noi di Projecta partecipiamo con un intervento di Massimo Rossi e Stefano Dal Pra’ su “Come gestire un vecchio impianto con le soluzioni tecnologiche innovative e integrate”.

    Non perdere l’occasione per conoscere il modo per rendere la tua azienda e di conseguenza i tuoi prodotti e servizi più competitivi sul mercato.

    Ti aspettiamo!

    I RELATORI

    Massimo Rossi
    Sales Manager – in Projecta dal 2017

    Responsabile commerciale clienti diretti e partner. Svolgimento delle principali attività di pre e post vendita di soluzioni proprietarie gestionali/contabili, prevalentemente in ambito produttivo.

    Stefano ing. Dal Prà
    R&D Manager e Integration Engineer – in Projecta dal 2010

    Si occupa della Progettazione e Sviluppo di soluzioni software orientate alla gestione ed alla pianificazione della produzione. Integrazione di sistemi per l’automazione del processo produttivo.

    IL PROGRAMMA

    15.30: Accoglienza

    15.45: Saluti di benvenuto

    • Elisa Milanese, socia fondatrice Associazione IoTItaly
    • Danilo Farinelli, nodo DIH – IP4FVG – IoT

    Keynote:

    • Roberto Siagri, CEO Eurotech

    16.15 – 18.30:  Round Table
    modera Luciano Pini, STMicrolectronics South, East Europe Israel & Nordic IoT Biz Development Sales Director

    • Christian Raineri, CTO Fae Technology –
      “Tecnologia abilitante per l’industria 4.0: Utilizzare dispositivi intelligenti e connessi per digitalizzare i processi produttivi in maniera concreta ed efficiente”
    • Massimo Rossi, Project Manager Projecta –
      “Come gestire un vecchio impianto con le soluzioni tecnologiche innovative e integrate”
    • Massimo Businaro, E-Project –
      “Data Analytics: cruscotti di analisi dei dati generati dall’IoT, come attivare i vantaggi dell’IoT nell’industria 4.0 attraverso la raccolta, l’elaborazione, la visualizzazione ed il controllo dei dati provenienti dal campo”

    Al termine: aperitivo di networking

     

    DOVE: Amaro (UD) presso Eurotech
    QUANDO: Giovedì 23 gennaio 2020 | ore 15:30
    DURATA: 3 ore, segue aperitivo di networking al termine

  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE

    Il bonus per la digitalizzazione è una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un voucher utilizzabile per l’acquisto di software, hardware e servizi specialistici che consentano di migliorare l’efficienza aziendale, modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro, sviluppare soluzioni di e-commerce e automazione di magazzino .

    Projecta, Siamo System Integrator orientati alla gestione della produzione ed all’automazione dei processi aziendali per guidare le imprese nell’epoca dell’industria 4.0.

    Gli acquisti dovranno essere effettuati successivamente alla prenotazione del voucher.

    A sostegno dell’Industria 4.0, (in cui Projecta trova collocazione determinante), è stato pubblicato il 26 settembre 2019 il decreto del MiSE che disciplina le modalità e i termini per la presentazione delle domande e per l’erogazione dell’agevolazione. A partire dal 7 novembre le imprese e le reti di imprese potranno avviare la compilazione della domanda per richiedere il “Voucher per l’Innovation Manager”.

    Il Voucher consente di richiedere una consulenza in innovazione a sostegno dei processi di trasformazione tecnologica e digitale delle PMI e delle reti d’imprese di tutto il territorio nazionale attraverso l’introduzione in azienda di figure manageriali in grado di implementare le tecnologie abilitanti previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, nonché di ammodernare gli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali. Projecta è il partner ideale per i processi di trasformazione orientati all’Industia 4.0

    Possono beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese con sede legale sul territorio nazionale, iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio, che non siano destinatarie di sanzioni interdittive, che non siano sottoposte a procedura concorsuale e non si trovino in stato di fallimento.

    Si considerano ammissibili al contributo le spese relative all’integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, ai big data e analisi dei dati, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA), integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali, manifattura additiva e stampa tridimensionale, Internet delle cose (IoT) e delle macchine.

    L’iter di presentazione delle domande di agevolazione è articolato nelle seguenti fasi:

    • verifica preliminare del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica, a partire dalle ore 10.00 del 31 ottobre 2019;
    • compilazione della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2019 e fino alle ore 17.00 del 26 novembre 2019;
    • invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019.

    Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura a sportello per cui le domande di assegnazione Voucher sono ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione.

    Dopo il 25 ottobre saranno resi pubblici gli elenchi dei Manager dell’Innovazione.

    Contattandoci già da ora, noi di PROJECTA potremo darti supporto nelle valutazioni per la trasformazione in ottica Industria 4.0 dei processi aziendali, e aiutarti nella compilazione della domanda di accesso al Voucher.  Offriamo servizi di soluzioni tecnologiche e consulenza specifica per il tuo business.

  • METODOLOGIA PROJECTA

    Nel corso degli anni, l’esperienza maturata collaborando con le migliori aziende dei più vari settori ci ha consentito di sviluppare una vera e propria metodologia Projecta.

    PRIMO PARAGRAFO
    Si tratta di un insieme di procedure specifiche che ci consentono, in primis, di effettuare delle diagnosi aziendali profonde e accurate e, successivamente, formulare una proposta formale di fornitura sia dei servizi che degli strumenti più indicati per le sue esigenze, come per esempio l’implementazione dei sistemi informatici aziendali o una consulenza strategica per la puntuale gestione delle attività d’impresa.

    Tutto ciò si sviluppa secondo una serie di step progressivi, realizzati e condivisi con il nostro interlocutore il quale avrà la piena visione dell’interezza del progetto proposto e il governo delle singole fasi, allineandosi man mano all’iter evolutivo che prevede: l’analisi dei processi, la compilazione di una matrice a fasi, la pianificazione delle attività, l’esecuzione con relativi verbali di formazione, collaudo e customer care.

    Il tutto legato ad eventuali revisioni di progetto e alla stesura di offerte accurate e chiare che permettano di avere un quadro completo della fornitura e relative modalità applicative.

    SECONDO PARAGRAFO

    Ovviamente l’introduzione di nuovi concetti e nuovi strumenti in azienda prevede anche la riorganizzazione e l’impegno di diverse risorse operative, impegnate quotidianamente in attività che prevedono un carico di lavoro significativo.

    Questa fase di riassestamento prevede la nascita di un flusso operativo che può essere denominato Ciclo di vita, rappresentato nel grafico qui sotto che indica tutti gli step evolutivi necessari alla messa a punto del sistema, passando attraverso fasi più o meno complicate che possono mettere a disagio il personale preposto.

    TERZO PARAGRAFO

    La metodologia “Projecta” prevede l’avvio del sistema con un costante affiancamento, monitoraggio e certificazione delle fasi attivate, gestendo il ciclo e relative revisioni in corso d’opera in modo dettagliato e condiviso.

    In sintesi, l’approccio che viene utilizzato per progetti complessi è collaudato e applicabile in ogni ambito, al di là dello strumento utilizzato e dell’area applicativa gestita all’interno dell’azienda.

    This is Projecta!

    Ciclo di vita

    Processo Projecta

    Industria 4.0